I cardi
Dr.ssa Michela Barducco - Dietista - Alimentazione e trattamenti naturali
RSS

Articoli recenti

Fiori di Bach per i più piccoli
Il Tarassaco in Fitoterapia
LA SALVIA
PORRIDGE RAPIDO IN BARATTOLO
L'olio di oliva

Categorie

Alimentazione e attività fisica
Conoscere gli alimenti
Cucina dietetica
Disturbi del comportamento alimentare: Anoressia e Bulimia Nervosa, Disturbi Alimentari Atipici
Linee Guida per una sana alimentazione
Risposte alle domande frequenti
Sovrappeso e obesità
Trattamenti naturali
powered by

Il mio blog

I cardi

 I cardi hanno un apporto energetico molto basso (10 kcal/100 g) e un elevato potere saziante, quindi sono particolarmente indicati nelle diete a basso apporto calorico.
Nel cardo (la parte edibile rappresenta il 70%) troviamo potassio (293 mg/100 g), calcio (96 mg/100 g) e fibre (1,5%); i cardi sono particolarmente indicati in caso di stipsi.
Particolarmente rinomato, il cardo gobbo di Nizza Monferrato può essere consumato anche crudo; in genere comunque i cardi vengono consumati cotti (per evitare che i cardi si scuriscano è utile aggiungere succo di limone all'acqua di cottura): particolarmente azzeccato l'abbinamento con acciughe dissalate e aglio (come nella tipica bagna cauda piemontese), sono comunque buoni anche semplicemente lessati e conditi con olio e 1 pizzico di sale..

Cardi alle acciughe (per 4 persone)
Fate lessare 1 kg c. di cardi in acqua salata acidulata.
Fate sciogliere in una padella antiaderente qualche acciuga dissalata con poco latte parzialmente scremato, aggiungete 1 spicchio di aglio e i cardi; fate insaporire aggiungendo ancora latte. Condite fuori dal fuoco con 2 C di olio.



Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint