Qual è la differenza tra celiachia e sensibilità al glutine?
Alimentazione e trattamenti naturali per il benessere e lasalute - Dr.ssa Michela Barducco - Dietista - Master in Floriterapia
RSS

Articoli recenti

Il Tarassaco in Fitoterapia
LA SALVIA
PORRIDGE RAPIDO IN BARATTOLO
L'olio di oliva
Il tofu

Categorie

Alimentazione e attività fisica
Conoscere gli alimenti
Cucina dietetica
Disturbi del comportamento alimentare: Anoressia e Bulimia Nervosa, Disturbi Alimentari Atipici
Linee Guida per una sana alimentazione
Risposte alle domande frequenti
Sovrappeso e obesità
Terapie naturali
powered by

Il mio blog

Qual è la differenza tra celiachia e sensibilità al glutine?

La celiachia è una malattia autoimmune consistente in un'intolleranza alimentare permanente al glutine (sostanza proteica presente nel frumento e in altri cereali come avena, orzo, segale, farro, kamut, spelta e triticale). 
Perché la malattia si manifesti è necessaria l'associazione di predisposizione genetica e ingestione di alimenti contenenti glutine; l'ingestione del glutine provoca una reazione immunitaria a livello dell’intestino tenue, fino ad arrivare alla scomparsa dei villi intestinali (con conseguente malassorbimento), accompagnata da una sintomatologia variabile, caratterizzata sia da sintomi intestinali che extra intestinali. 
La diagnosi viene effettuata con analisi sierologiche e tramite biopsia intestinale:
le analisi sierologiche valutano gli anticorpi antigliadina IGA e IGG (AGA IGA e AGA IGG), gli anticorpi antiendomisio (EMA) e gli anticorpi antitransglutaminasi (tTG); la biopsia dell'intestino tenue valuta il numero di linfociti intraepiteliali, la presenza di ipertrofia o iperplasia e allungamento delle cripte intestinali e l'accorciamento, la riduzione o la scomparsa dei villi intestinali. Nella celiachia abbiamo quindi la presenza di anticorpi specifici e alterazioni della mucosa intestinale, che si manifestano soprattutto con l'appiattimento dei villi intestinali.
La celiachia colpisce c. l'1% della popolazione

Nella sensibilità al glutine, o Glutensensitivity, il quadro clinico in genere è meno grave, non vi sono alterazioni genetiche e non abbiamo marker specifici: si può riscontrare un aumento degli anticorpi antigliadina IGG ma non degli anticorpi antiendomisio e degli anticorpi antitransglutaminasi; la biopsia intestinale in genere è nella norma o al limite può evidenziare lesioni minime. Di fatto si fa una diagnosi di esclusione: di fronte a sintomi simili a quelli della celiachia, viene esclusa con gli esami sierologici e la biopsia intestinale la presenza della celiachia, viene eliminato il glutine dalla dieta e se i sintomi scompaiono viene confermata la diagnosi di sensibilità al glutine.
Anche nella sensibilità al glutine i sintomi possono essere sia intestinali sia extra intestinali.
La prevalenza della sensibilità al glutine è 5-6 volte superiore a quella della celiachia: la sensibilità al glutine colpisce c. il 6% della popolazione.



0 commenti a Qual è la differenza tra celiachia e sensibilità al glutine?:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint