Alimentazione e trattamenti naturali per il benessere e lasalute - Celiachia e glutensensitivity
Alimentazione e trattamenti naturali per il benessere e lasalute - Dr.ssa Michela Barducco - Dietista - Master in Floriterapia
LA CELIACHIA è una malattia autoimmune che consiste in un'intolleranza permanente al glutine; i soggetti geneticamente predisposti (il marcatore genetico della predisposizione alla celiachia è il sistema HLA,  geni DQ2-DQ8) diventano celiaci in seguito alll’introduzione del glutine con l’alimentazione. Nel celiaco l'introduzione del glutine, anche in piccole quantità, provoca una risposta immunitaria abnorme a livello dell’intestino tenue, una conseguente infiammazione cronica  e alterazioni morfologiche della mucosa intestinale (appiattimento dei villi intestinali). 
Possiamo avere 4 forme di celiachia:
  • celiachia tipica: l'esordio avviene subito dopo lo svezzamento e la malattia si manifesta con diarrea e arresto di crescita      
  • celiachia atipica: l'esordio è  tardivo con sintomatologia sia intestinale sia extra-intestinale   
  • celiachia silente: assenza di sintomatologia eclatante 
  • celiachia potenziale: esami sierologici positivi ma assenza di sintomi e biopsia intestinale normale
Il quadro sintomatologico classico, caratterizzato soprattutto da sintomi gastrointestinali è sempre meno frequente mentre sono sempre più frequenti i sintomi atipici, prevalentemente extra-intestinali, tra i quali possiamo avere carenza di ferro, osteopenia (riduzione della massa ossea al di sotto dei valori di normalità, ma che ancora non può considerarsi osteoporosi), malattie autoimmuni e sintomi a carico del sistema nervoso (sembra che almeno il 10% delle persone con celiachia abbiano sintomi a carico del sistema nervoso).
La diagnosi viene fatta con esami sierologici (anticorpi antigliadina, anticorpi antiendomisio, anticorpi anti- transglutaminasi) e confermata con la biopsia intestinale. 

LA SENSIBILITÀ AL GLUTINE o GLUTENSENSITIVITYsi manifesta in modo simile alla celiachia (i sintomi possono essere sia intestinali sia extra intestinali). tuttavia con un quadro clinico in genere meno grave, non vi sono alterazioni genetiche e non abbiamo marker specifici: si può riscontrare un aumento degli anticorpi antigliadina IGG ma non degli anticorpi antiendomisio e degli anticorpi antitransglutaminasi; la biopsia intestinale in genere è nella norma o al limite può evidenziare lesioni minime





LA DIETA SENZA GLUTINE è AL MOMENTO L'UNICA TERAPIA SIA PER LA CELIACHIA SIA PER LA SENSIBILITÀ AL GLUTINE

Il glutine è una proteine presente in alcuni cereali. 

L'AIC (Associazione Italiana Celiachia) suddivide gli alimenti in alimenti permessi (ad es. cereali naturalmente privi di glutine, carne, pesce, latte, frutta, verdura), alimenti a rischio (alimenti che potrebbero contenere anche piccole quantità di glutine o a rischio di contaminazione come farine, fecole, amidi, fiocchi dei cereali permessi, prodotti per prima colazione a base dei cereali permessi, salumi e insaccati, piatti pronti, dadi, caramelle) e alimenti vietati (cereali  e loro derivati contenenti glutine, alimenti impanati con farine vietate, bevande all'orzo, birra di malto d'orzo o frumento, seitan).
Gli alimenti a rischio vengono valutati dall'AIC e se ritenuti idonei vengono inseriti nel Prontuario AIC degli Alimenti: gli alimenti a rischio possono essere consumati solo se presenti in prontuario o se riportano la dicitura "senza glutine".
Anche l'introduzione di piccoli quantitativi di glutine, presenti per contaminazione accidentale, può risultare dannosa; perciò i prodotti derivati dai cereali permessi, che potrebbero avere subito contaminazioni accidentali durante i processi di lavorazione, vengono considerati alimenti a rischio.



E’ necessario eliminare  dalla dieta tutti i cereali contenenti glutine:
  • Grano 
  • Orzo 
  • Segale 
  • Farro     
  • Spelta 
  • Kamut 
  • Triticale 
  • Avena (?)

Cereali naturalmente privi di glutine:
  • riso
  • mais
  • grano saraceno
  • amaranto
  • manioca
  • miglio
  • quinoa
  • sorgo
  • teff

Incontri di educazione alimentare per soggetti con celiachia e con sensibilità al glutine.

La celiachia e la sensibilità al glutine possono essere curate solo attraverso la permanente astensione dal consumo di alimenti contenenti glutine; come in tutte le patologie croniche i soggetti colpiti devono essere informati ed educati affinché possano compiere scelte consapevoli, in modo da mantenere un ottimale stato di salute.

Nel corso degli incontri vengono trattati i seguenti argomenti:
  • informazioni sulla celiachia e sulla sensibilità al glutine
  • informazioni su patologie eventualmente associate
  • alimenti permessi, a rischio e vietati
  • alimentazione senza glutine a casa e fuori casa
  • principi di corretta alimentazione
  • ricettari
Obbiettivi degli incontri:
  • valutazione dello stato nutrizionale
  • monitoraggio dell'alimentazione
  • valutazione dell'adeguatezza dell'alimentazione in relazione all'assenza di glutine, ai fabbisogni nutrizionali, al mantenimento di un adeguato peso corporeo e più in generale di un ottimale stato di salute
  • eventuali modifiche all'alimentazione

In definitiva gli incontri si propongono di trasmettere i principi della dieta senza glutine, verificare l'adesione a tale dieta, promuovere una dieta adeguata ad ottenere un ottimale stato di salute, fornire quelle informazioni che permettano di compiere scelte alimentari consapevoli. 



Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint